L’empatia

  Quando un rapporto si fa più stabile la qualità del dialogo cambia. Spesso però si sopravvaluta il potere delle parole. Di fronte ad una crisi per esempio, ci si illude che passi dicendo semplicemente “parliamone”, per risolverla. La vita però è più complicata e per quanto uno cerchi di spiegarsi, a volte è difficile trasmettere carte sensazioni; in aiuto vengono l’amore e la considerazione dell’altro che permettono di capire cosa c’è dietro un gesto e di collocarlo su uno sfondo più ampio. Nelle coppie dunque spesso è importante la comunicazione emotiva più di quella razionale. La prima  si impara

 

Quando un rapporto si fa più stabile la qualità del dialogo cambia. Spesso però si sopravvaluta il potere delle parole. Di fronte ad una crisi per esempio, ci si illude che passi dicendo semplicemente “parliamone”, per risolverla. La vita però è più complicata e per quanto uno cerchi di spiegarsi, a volte è difficile trasmettere carte sensazioni; in aiuto vengono l’amore e la considerazione dell’altro che permettono di capire cosa c’è dietro un gesto e di collocarlo su uno sfondo più ampio. Nelle coppie dunque spesso è importante la comunicazione emotiva più di quella razionale. La prima  si impara da bambini e chi ha avuto genitori freddi e distanti quindi potrebbe avere delle difficoltà.

Ma non è mai troppo tardi per cominciare; la comunicazione emotiva non è un insieme di tecniche, ma un fluire spontaneo che si esprime anche con i gesti. Se per esempio si vuole dire al partner “ti sono vicino” in un periodo difficile, lo si può accogliere con una cenetta speciale dove sapori e  profumi gli comunicheranno l’attenzione e la  condivisione.

Amare è anche interessarsi all’altro, ascoltare nel profondo, esserci quando parla; e non servono le domande anzi spesso le risposte più significative le abbiamo semplicemente osservando l’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *