L’imporanza di coccole e baci fin dalla nascita

Secondo la ricerca americana pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, i piccoli ricoperti di tenerezze fin dalla nascita diventeranno adulti più socievoli e meno stressati. Le coccole ricevute durante la primissima infanzia determinano quindi la stabilità emotiva dell’adulto. Dopo anni di osservazione, questa equipe di psicologi ha potuto affermare con certezza che i bambini con genitori prodighi di gesti affettuosi hanno mostrato da grandi livelli molto più bassi di stress e di aggressività e una maggiore facilità nei rapporti interpersonali. Gli effetti benefici di carezze e baci ci sono anche a breve termine, perché le coccole sono lo

Secondo la ricerca americana pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, i piccoli ricoperti di tenerezze fin dalla nascita diventeranno adulti più socievoli e meno stressati. Le coccole ricevute durante la primissima infanzia determinano quindi la stabilità emotiva dell’adulto.
Dopo anni di osservazione, questa equipe di psicologi ha potuto affermare con certezza che i bambini con genitori prodighi di gesti affettuosi hanno mostrato da grandi livelli molto più bassi di stress e di aggressività e una maggiore facilità nei rapporti interpersonali.

Gli effetti benefici di carezze e baci ci sono anche a breve termine, perché le coccole sono lo strumento principe de’interazione precoce mamma- bambino, e il mezzo attraverso il quale i due cominciano a conoscersi.
In questo modo il piccolo non solo sente di essere amato e accudito, ma comprende come interagire con l’ambiente esterno e per questo si sente più sicuro e sereno.

Il mondo del neonato

I neonati hanno sei stati comportamentali: sonno profondo, sonno leggero, transizione sonno/veglia, veglia quieta, veglia agitata e pianto. Solo lo stato di veglia quieta è adatto all’interazione e nelle prime due-tre settimane occupa il 10% della vita del bambino.
La percentuale aumenta sensibilmente dalla quarta settimana, ma per mettersi in relazione con il proprio piccolo è importante conoscere per prima cosa i suoi canali sensoriali che cambiano durante i primi tempi.

Nel primo mese è fondamentale avvolgere il bambino tra le braccia affinché possa percepire la presenza della mamma con tatto e olfatto.
A partire dal secondo mese, poi si possono aggiungere parole, sorrisi e ninne nanne, perché il piccolo sviluppa i sensi di udito e vista.

Le coccole dei papà

Se la relazione mamma-bambino è fondamentale, è altrettanto importante il rapporto con il papà; i padri che accudiscono, coccolano e prendono in braccio spesso il proprio bebè, faranno crescere bambini più sicuri e sereni. Per questo è importante favorire il coinvolgimento del papà sin dai primi mesi di gravidanza, affinchè anche lui possa imparare a conoscere il piccolo, e nel momento in cui nascerà non sarà uno sconosciuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *