Le difficoltà dell’adolescenza

Mentre da bambini si cerca di conformarsi alle aspettative dei genitori, compiacendoli, in questa fase della vita ci si trova a fare i conti con la propria particolarità e le proprie passioni. Il percorso per crescere è così spesso complicato, tra zone di ombra e di luce.

 

Avere 13 o 14 anni o poco più non è semplice, perché è il momento in cui un ragazzo cerca di capire qual è il suo posto nel mondo. Mentre da bambini si cerca di conformarsi alle aspettative dei genitori, compiacendoli, in questa fase della vita ci si trova a fare i conti con la propria particolarità e le proprie passioni. Il percorso per crescere è così spesso complicato, tra zone di ombra e di luce; e i genitori in tutto questo dovrebbero cercare di imporre dei limiti e donare al figlio l’esempio di una vita vissuta con passione e impegno.Le difficoltà principali

Nel passato per entrare a far parte della società occorreva rinunciare a soddisfare le proprie pulsioni; i genitori imponevano molti limiti e i figli riconoscevano le regole, anche se imposte acriticamente e senza possibilità di discussione. Oggi, invece, l’imperativo è votato all’eccesso, al dimostrare di essere perfetti, anche superando i limiti imposti dalla morale e talvolta dalla legge.

I genitori non riescono a stabilire le regole e non sono più convinti che sia giusto imporle; così non ci sono più conflitti, che un tempo erano la chiave che smuoveva le ribellioni, fondamentali per prendere una strada. Oggi, invece, gli adulti sono preoccupati di farsi amare e sono spaventati all’idea di causare ai figli frustrazioni e tensioni, così scelgono di stare su un piano di parità, ma senza una regola da contestare e infrangere non c’è lo scontro.!

I rischi

I rischi sono che anziché trovarsi una collocazione nel mondo, i giovani si rifugiano nel rapporto con gli oggetti di consumo e in essi cercano la soluzione ai loro interrogativi. Così davanti alle difficoltà e alle delusioni si rifugiano nella dipendenza e assumono comportamenti a rischio.

Per questo motivo i ragazzi hanno bisogno di un limite, perché infondo loro stessi lamentano l’eccessiva libertà di cui godono. Poter fare tutto ciò che si vuole disorienta e angoscia, ed è solo attraverso l’esperienza del “non puoi fare tutto ciò che vuoi”, che gli esseri umani imparano a compiere quel lungo e faticoso percorso che porta a capire cosa si vuole essere e fare nella vita, e una persona è davvero libera quando può desiderare, ma il desiderio nasce solo dalla mancanza.

 

Una risposta

  1. mario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *