L’ortoterapia

L’ortoterapia è utile nella gran parte delle malattie croniche infiammatorie, degenerative, autoimmuni, psichiatriche e neurologiche. Può prevenire anche le malattie cardiovascolari, metaboliche e osteoarticolari.

 

Il giardino è l’immagine del  Paradiso perduto un approdo sicuro in cui l’uomo desidera arrivare per sentirsi meglio. Ma perché il verde, la natura e i fiori migliorano la salute? il giardino non cura e non lo può fare perché non è un farmaco ma è sicuramente un modo indispensabile per la cura di mente, spirito e anima. Rinvasare piante e fiori fa bene al cuore, alla circolazione, riduce l’ansia e lo stress.

Esistono due tipi di giardino quello riflesso da osservare dalla finestra di casa o dove passeggiare per trovare bellezza e pace e quello da accudire dove la persona ha una parte attiva nel far crescere qualcosa.

Cosa si cura

L’ortoterapia è utile nella gran parte delle malattie croniche infiammatorie, degenerative, autoimmuni, psichiatriche e neurologiche. Può prevenire anche le malattie cardiovascolari, metaboliche e osteoarticolari.

Perché si hanno benefici con l’ortoterapia?

Col giardinaggio si mette in moto tutto il corpo: è una vera e ginnastica in cui si migliorano capacità motorie, coordinamento muscolare e tonicità di braccia e gambe; bastano 20 minuti di giardinaggio per abbassare pressione e frequenza cardiaca. Anche l’aspetto mentale è importante: il giardino distrae e rallenta la frenesia riportando l’orologio ai ritmi salutari e saggi della natura. In Italia alcune strutture private sfruttano l’orticultura per risolvere la fase acuta nei malati di depressione e schizofrenia perchè l’attenzione si sposta dai propri problemi per offrire tempo e cure ad un altr essere vivente. Il paziente può fare qualcosa di bello nonostante la disabilità psichica e anche se la malattia ha tolto il controllo su alcune attività si può acquistare autostima e energia e liberarsi dalle dipendenze come alcol e droga e riappropriarsi del controllo di sé.

Utile a bambini e anziani

Nei bambini con disturbi dell’iperattività e dell’ attenzione, la natura può essere una valida alternativa a pesanti cure farmacologiche. Il giardino, infatti, stimola la coordinazione tra mani e occhi e anche la curiosità, l’osservazione e la pazienza. Inoltre la natura li riconcilia con la semplicità e la fantasia.

Infine il giardinaggio è utile agli anziani: oltre ai benefici del movimento fisico c’è anche quello di stare all’aria aperta e di socializzare con altre persone. È un’ attività che migliora le prestazioni funzionali e mentali anche di chi soffre di demenza senile e Alzheimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *