Sfruttare al meglio i benefici delle vacanze

Le vacanze dovrebbero essere una bella carica energetica per tutto l’anno che si deve affrontare, e un periodo di stacco importante a livello sia psicologico che fisico. Per questo motivo la vacanza va pensata e preparata tenendo in considerazione che lo stacco è salutare ma anche spiazzante per l’organismo.

 

Sono molte le persone che descrivono l’inizio e la fine delle vacanze come un vero e proprio trauma. Prima di partire vanno in tilt per prepararsi, arrivano sul luogo e sono talmente stanche da non riuscire quasi a fare nulla. Poi, quando incominciano a rilassarsi, è il momento di rientrare a casa e nuovamente ci si sente stanchi, frastornati e pieni di impegni. Ma perché accade e cosa bisognerebbe fare?

Le vacanze dovrebbero essere una bella carica energetica per tutto l’anno che si deve affrontare, e un periodo di stacco importante a livello sia psicologico che fisico. Per questo motivo la vacanza va pensata e preparata tenendo in considerazione che lo stacco è salutare ma anche spiazzante per l’organismo. Cambiano gli orari, le abitudini, i ritmi; il nostro corpo organizza i propri ritmi sulla base di situazioni interne (battito cardiaco e respiro) ed esterne, come la luce, i pasti il ritmo sonno veglia.

Per questo motivo, quando si sa che il viaggio, stravolgerà le nostre abitudini per motivi di fuso orario, o di cambiamenti radicali di vita, bisognerebbe iniziare una settimana prima della partenza a spostare gradualmente gli orari dei pasti e del sonno.

Oltre poi ad abituare il nostro copro al cambiamento dei ritmi, bisognerebbe anche preparare la mente, iniziando le ferie qualche giorno prima di partire e tornando dal viaggio qualche giorno prima di rientrare al lavoro. In questo modo ci si prepara allo stacco in modo graduale, perché come ogni cambiamento anche le vacanze hanno bisogno di un periodo di passaggio. È sufficiente stare a casa dal lavoro uno o due giorni prima per preparare con calma le valigie, leggere le guide, e riporre l’agenda.

E fare la stessa cosa al rientro, scaricando le foto sul pc con calma, facendo le lavatrici e uscire a cena.

In questo modo i cambiamenti non vengono vissuti come uno stravolgimento ma come un passaggio, utile per accompagnare sia la mente che il corpo alle novità.

Vedi anche http://www.guidapsicologia.com/00195_stress-da-vacanza.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *