Ossessionati dagli elenchi

Gli elenchi aiutano a organizzare le idee e a ricordare quanto potrebbe essere dimenticato con facilità; regalano anche la sensazione di avere tutto sotto controllo per molti impagabile in quanto utile per diminuire lo stress quotidiano di un’esistenza fitta di impegni. Bisogna però evitare che si trasformino in una fonte di ansia.


 

Per alcune persone fare le liste è una vera e propria necessità: liste di ogni tipo che vanno dall’elenco delle cose da comprare a quello delle cose da fare o da ricordare. Elenchi dei libri da leggere, dei film da vedere o dei vini che si hanno in cantina. Stilare elenchi è un’abitudine di molti perché aiuta a organizzarsi, purchè però non si esageri, trasformando il bisogno di elencare in ossessione.

 

Per fare delle scelte

 

Le liste possono servire anche per compiere scelte complicate di qualunque natura, limitando il margine di errore, che è possibile soprattutto quando si è davanti ad un bivio. Il modo di procedere è semplice: si divide un foglio a metà e da una parte si segnano i “pro” di una scelta, dall’altra i “contro”. La compilazione va fatta con estrema attenzione senza barare con se stessi e cercando di non dimenticare nulla. Al termine bisogna contare le voci elencate e se i pro superano i contro significa che la decisione è valida.

 

Un’abitudine corretta

 

L’abitudine di fare delle liste è sicuramente buona per vari motivi:

 

  • sono una sorta di filo di Arianna che aiuta a districarsi in qualsiasi circostanza e labirinto:
  • servono a chiarirsi le idee e a organizzarsi meglio;
  • sono un ottimo supporto per ricordare le cose;
  • sono fonte di gratificazione anche visiva;
  • consentono di dare sfogo alla creatività.

 

Quando diventa un’ossessione

 

Gli elenchi aiutano a organizzare le idee e a ricordare quanto potrebbe essere dimenticato con facilità; regalano anche la sensazione di avere tutto sotto controllo per molti impagabile in quanto utile per diminuire lo stress quotidiano di un’esistenza fitta di impegni. Bisogna però evitare che si trasformino in una fonte di ansia, come accade per esempio quando se ne diventa schiavi al punto da non poter fare più nulla senza prima aver messo per iscritto cosa si intende fare e secondo quale progressione si vorrebbe procedere. Se poi ci si sente insoddisfatti nel caso non si riesca a rispettare la cronologia ipotizzata significa che si sta diventando vittime di una sorta di ossessione. Meglio allora provare a “disintossicarsi” imponendo di tenere a mente le cose da fare o da acquistare senza metterle prima per iscritto.

 

Una risposta

  1. MARIANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *